Interview with costume designer Tatiana Romanoff

BY MICHELE FOSSI 

After apprenticing for Franca Sozzani on behalf of L’Uomo Vogue, Tatiana Romanoff graduated to become one of Italy’s most effective and celebrated costume designers. Here she reflects on her greatest influences, her enduring passion for the expressive potential of menswear, and her enduring beef with sound engineers.

Among Italy’s most prominent contemporary costume designers, Tatiana Romanoff started out as a stylist and editor at L’Uomo Vogue in the 1980s, where she refined her innate taste and passion for menswear. Having moved back to Rome, in 1988 she began a career as a costume designer at RAI, working on many successful TV shows, TV dramas, TV movies and commercials. A few years later, she became involved in film productions, collaborating with several Italian and international directors. And since 1990, she has contributed to every production by Carlo Verdone.

You worked for L’Uomo Vogue from 1982 to 1988, so you’re no stranger to the pages of this

magazine.

I had to choose between working for L’UomoVogue and Lei, the magazine Franca Sozzani edited before taking over at Vogue Italia. I chose L’Uomo, because even then I was passionate about men’s fashion, and that interest is as strong as ever. It was a formative and rewarding experience, but also very challenging. The portrayal of an editorial office in The Devil Wears Prada might seem over the top, but it wasn’t far off the reality that I experienced. It was a place where your bosses could scare the pants off you. And as long as you kept going, they just kept raising the bar. Like the heroine of David Frankel’s film, I often went home in tears, and I came close to quitting more than once. But then the next day I’d find myself working with a fascinating photographer or dressing a Hollywood star, and invariably I made peace with the job because it was so special.

In 1988 you moved to Rome, where you live today.

In Rome my career took the most varied directions. I worked as a stylist in advertising, then as a costume designer, at first for TV and later for cinema. Then in 1990 I met the actor and filmmaker Carlo Verdone. Our artistic union has lasted 30 years now. All in all, it was more fun in Rome than it was working as a stylist for a fashion magazine.

Who are your role models in the cinema world?

Milena Canonero is at the top of my list. I think she’s the world’s finest costume designer. She created the unforgettable costume worn by Malcolm McDowell in A Clockwork Orange, and Dick Tracy’s wonderful monochrome suits. Both were well ahead of their times. She interpreted our profession in a fresh, experimental and contemporary way, going beyond the cliché about movie costume designers mainly creating clothes for period films. She deserves all the Oscars she’s won.

What about outside Italy?

I’ve also been influenced by the British costume designer Sandy Powell, as well as the American Ann Roth. They both have such a modern sensibility. Curiously, the most famous costume designers are almost always European, rarely American. Roth is the exception that proves the rule.

There’s an enduring love story between cinema and fashion. Which costume designers have most inspired the work of fashion designers?

Canonero outdid herself with the costumes for Sydney Pollack’s 1985 drama Out of Africa, starring Meryl Streep and Robert Redford. She didn’t win an Oscar for it, but her work on the movie had a huge influence on that period’s fashion collections, with African prints and colours making a big return to the runways. The release of Woody Allen’s Annie Hall had a similar impact on designers in 1977, with Diane Keaton showing off her personal style, which was androgynous and very sophisticated. She took typical garments from the male wardrobe, such as turtlenecks and ties, and turned them into tools of female seduction. It caused a sensation and Keaton kept refining it over the years, making it increasingly her own.

Is it true you’re a fan of Stephan Elliot’s The Adventures of Priscilla?

It’s a masterpiece, with drag queens’ dress elevated to a form of art by costume designer Lizzy Gardiner. The film won an Oscar for Best Costume Design despite being set in the present, going against Hollywood’s tendency to give the award to historical dramas. I never get tired of looking at those brilliant, colourful costumes that sprung from her unbridled imagination. Those wigs are made of used rubber flip-flops!

The dress Lizzy Gardiner wore when she received the award was unforgettable, too.

She made it out of old credit cards linked together by chains. Another masterpiece.

What about the recent trend of famous directors making fashion movies?

It’s fascinating and I hope I can be part of it. The synergy between films and fashion works. Last year Matteo Garrone made an amazing short for Dior called Le château du tarot. More recently, there’s the fashion movie Gucci Epilogue directed by the D’Innocenzo brothers for Gucci. Martin Scorsese was also a great pioneer in this field. Back in 1990 he filmed Made in Milan, a short documentary about Giorgio Armani. Recently I had an offer to work on a fashion film for Dolce & Gabbana, but unfortunately I was already doing two TV productions, so I had to turn it down.

Have you been to Hollywood?

Valentino invited me in the mid-’80s with my partner at the time, who was doing a film on him. For five days I was catapulted into the Hollywood myth, with poolside parties and dinners with the likes of Barbra Streisand and Quincy Jones. Valentino is a movie diva stylist, and it was fun to see him being hailed as a sort of semi-divinity. The thought of working in LA did cross my mind. But I was in love with my partner, and after those five days I happily but slightly regretfully caught the plane back to Rome with him.

Which working experiences have most shaped your personal style?

I learnt this craft working for L’Uomo Vogue. That’s where I absorbed the uncompromising approach to men’s fashion, which is now reflected in my own style. I can’t stand it when the knot in a tie is anything less than perfect. I love ties and I often wear them. I’ve been at war with sound engineers for years, because they always loosen my knots to insert actors’ microphones. I tell them off and move their microphones somewhere else. Then I redo my flawless knot just the way I like it!

Published in L’Uomo Vogue November 2021

Tatiana, le pagine di questa rivista sono tutto fuorché una novità per te: hai lavorato per L’Uomo Vogue dall’82 all’ 88.  

Mi era stata data la possibilità di scegliere tra L’Uomo Vogue e Lei, la rivista diretta da Franca Sozzani prima del suo arrivo a Vogue Italia. Scesi l’Uomo, perché già allora avevo maturato una grande passione e curiosità per la moda maschile, che mai mi ha abbandonato. Conservo il ricordo di un’esperienza estremamente formativa e appagante, ma anche molto dura. Si potrebbe pensare che il ritratto della redazione di un giornale di moda ne Il Diavolo Veste Prada, con una regina investita di poteri assoluti al posto di una direttrice, sia una versione ironica e caricaturale della realtà. E invece posso assicurare che era esattamente così: era un ambiente dove i capi ti facevano vedere i sorci verdi, e finché resistevi, alzavano sempre l’asticella. Anche io, come la protagonista del film di David Frankel, tornavo spesso a casa in lacrime, e più di una volta sono stata a un passo dal mollare tutto. Mai poi il giorno dopo mi trovavo a collaborare con un fotografo interessante, o a vestire una star hollywoodiana, e immancabilmente tornavo a far pace con quel lavoro così speciale.

Nell’88 ti sei trasferita a Roma, città dove vivi tutt’oggi. 

A Roma la mia carriera ha preso le più svariate direzioni: ho lavorato come stylist per la pubblicità, costumista televisiva, e, in un secondo momento, come costumista per il cinema. Poi, nel 1990, il mio fatidico incontro col regista Carlo Verdone, col quale è nato un proficuo connubio artistico che dura ormai da trent’anni. Libera di spaziare, a Roma mi sono trovata ad avere una vita professionale molto varia, e tutto sommato più divertente rispetto al lavoro di stylist per un giornale di moda.  

Parlando di cinema, quali sono state le tue figure di riferimento per il tuo lavoro?

In cima alla lista, senz’ombra di dubbio, metto Milena Canonero, il mio idolo assoluto, a mio avviso la costumista più brava del mondo. È stata lei, per intendersi, a ideare l’indimenticabile divisa indossata da Malcom Mcdowell in “Arancia meccanica” e i meravigliosi vestiti monocromatici di Dick Tracy, entrambi così avanti per il loro tempo. Un genio assoluto, che del nostro mestiere ha saputo dare un’interpretazione sperimentale, fresca e contemporanea, superando il cliché che vede nel costumista di cinema una figura impegnata soprattutto nella realizzazione di abiti per film di ambientazione storica. Si è meritata tutti gli oscar che ha avuto e, fosse stato per me, ne avrebbe dovuti vincere almeno altri 5.

E fuori dall’Italia?

Sono stata poi molto influenzata dall’inglese Sandy Powell e dall’americana  Ann Roth, entrambe costumiste dalla sensibilità moderna.  Curiosamente, i costumisti più famosi raramente sono americani, ma quasi sempre europei: la Roth è un’eccezione che conferma la regola. 

Quella tra cinema e moda è una lunga storia d’amore. A tuo dire, quali sono stati i costumisti cinematografici che più hanno ispirato e influenzato il lavoro degli stilisti di moda?

Milena Canonero superò se stessa con i costumi di “Out of Africa”, il film drammatico del 1985 diretto da Sydney Pollack, con Meryl Streep and Robert Redford. Non vinse l’oscar in quell’occasione, ma in compenso il suo lavoro per quel film ebbe una grande eco nelle collezioni di moda di quel periodo,  con un grande ritorno in passerella delle stampe e dei colori dell’africa. Un simile impatto sugli stilisti lo ebbe nel 1977 anche l’uscita di  “Io e Annie”  di Woody Allen, dove Diane Keaton sfoggia il suo stile personale: uno stile androgino, molto studiato, che vede tipici elementi del guardaroba maschile, come il collo alto e la cravatta, trasformati in strumenti di seduzione femmile. Uno stile che all’epoca fece scalpore e che la Keaton ha poi mantenuto negli anni, raffinandolo anno dopo anno e facendolo sempre più suo. 

Gira poi voce che tu sia una grande fan del film “Priscilla” di Stephan Elliot. 

Un assoluto capolavoro, dove il travestitismo delle drag queen viene elevato ad arte dalla costumista, Lizzie Gardner, e portato alle sue conseguenze più estreme. Un film che – caso più unico che raro – si aggiudicò un Oscar ai migliori costumi pur essendo ambientato nella nostra epoca, contro la consuetudine hollywoodiana che vede questo  premio essere assegnato quasi esclusivamente a film di ambientazione storica. Non mi stanco mai di guardarli quei costumi geniali, coloratissimi, scaturiti da una fantasia sfrenata, senza limiti: si pensi alle parrucche ricavate da ciabatte di gomma usate!

Indimenticabile fu anche l’abito folle con cui Lizzie Gardener andò a ritirare il premio!

Ovviamente anch’esso realizzato da lei, era un abito di carte di credito spezzate, unite da catene. Un capolavoro nel capolavoro.

E cosa pensi invece del recente trend dei fashion movie, che vede la moda “invadere” il cinema ed avvalersi del linguaggio cinematografico per le proprie campagne pubblicitarie online, assoldando allo scopo i più noti registi internazionali? Un trend inverso rispetto al precedente: non più il cinema che invade la moda bensì la moda che invade il cinema.

Guardo a questo fenomeno con grande interesse, e spero presto di prenderne parte. Quella tra cinema e moda è una sinergia che funziona: sono rimasta letteralmente folgorata dal corto che Matteo Garrone lo scorso anno ha realizzato per Dior, “Le château du tarot e, più di recente, “Gucci Epilogue”, il fashion movie diretto dai fratelli D’Innocenzo per Gucci. Grande pioniere in questo nuovo campo – si tende a dimenticarlo – è stato Martin Scorsese, che già nel 1990 realizzò “Made in Milan”, un cortometraggio documentario su Giorgio Armani. Sono andata vicina anche io ad essere coinvolta in uno di questi progetti recentemente: mi era arrivata la proposta di lavorare ad un fashion movie per Dolce & Gabbana. Sfortunatamente ero in mezzo a due produzioni per la TV in contemporanea, e mi sono vista costretta a declinare l’invito. 

Sei mai stata a Hollywood?

Sono stata invitata a Hollywood da Valentino, a metà degli anni’80, insieme al mio compagno di allora, che doveva realizzare un filmato su di lui. Per cinque giorni mi trovai catapultata direttamente nel cuore del mito hollywoodiano, tra cocktail party a bordo piscina e cene con star del calibro di  Barbra Streisand e Quincy Jones. Fu divertente osservare da vicino come Valentino, lo stilista delle dive del cinema, fosse osannato dalla fauna di Hollywood come un semi-dio. In quei giorni, lo confesso, il pensiero di rimanere a lavorare a Los Angeles mi è passato per la testa. Ma allora ero molto innamorata del mio compagno e, passati i cinque giorni stabiliti, con lui, seppur con una nota di rimpianto, ripresi felice l’aereo per Roma. 

Per concludere, mi dici del tuo stile personale? Quali delle tue tante esperienze lavorative lo hanno plasmato di più?

Ho imparato il mio mestiere lavorando per l’Uomo Vogue. Lì ho fatto mio l’approccio rigoroso, per certi versi maniacale, alla moda maschile, che in varie forme si riflette oggi anche nel mio stile personale. Non sopporto ad esempio che il nodo della cravatta, accessorio per il quale ho una vera passione e che spesso indosso, non sia perfetto.  Da anni sono „in guerra“ con i fonici, che spesso, per inserire i microfoni agli attori sul set, allentano e deformano immancabilmente i miei nodi delle cravatte. E io ogni volta mi arrabbio come una matta, do in escandescenze, li sgrido. Sposto poi prontamente i loro microfoni da un’altra parte, e ricompongo il mio nodo impeccabile, come piace a me. 

Pubblicato su L’Uomo Vogue , Dicembre 2021

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s